Slander: nuovo disco e release parties.

Era nell’aria, ma nessuno ancora osava parlarne. Un po’ come la prima regola del Fight Club, la prima regola del nuovo ep Slander era non parlare dell’ep Slander. Che poi in realtà ogni tanto filtrava qualche notizia, come i presunti flirt con i sobborghi di Kingston, Jamaica, uniti ad un’attesa spasmodica per l’uscita del lavoro. Ora il nuovo lavoro ha un nome e date release. Ma andiamo con ordine.
Il nuovo ep si intitola “The Rush” e vede Samall passare dalla chitarra a dietro il microfono e Teo degli Step On Memories a sostituirlo alla chitarra. Cinque pezzi di hardcore tiratissimo, con due guest di cui non riveliamo il nome per non rovinare la sorpresa. La copertina è disegnata da Centocanesio, il 7″ uscirà per Tuna Record (IT), Trivel Records (IT) e Grains Of Sands (RUS), la tape uscirà per Backbite Records GER) mentre il cd sarà autoprodotto.
Ad anticipare l’uscita, prevista per il 4 ottobre, verrà pubblicato il video del pezzo “Scars And Ashes”, un paio di settimane prima dei due release previsti per festeggiare l’uscita del disco. Si avete capito bene, due release!
Il primo dei due sarà in concomitanza con l’uscita dell’ep, ovvero sabato 4 ottobre. La location è una di quelle tanto care a noi di Trivel, ovvero il New Phobic di Marghera (VE), che altro non è che il Pop Corner, dove tutti avete moshato, pogato e sudato. Il menù è quello da leccarsi i baffi, perchè oltre agli Slander ci saranno i Danny Trejo, paladini del hardcore made in Venezia, i La Prospettiva, il gruppo più veloce di un assolo di Petrucci, che tornano a farci visita dopo il concertazzo a Mogliano Veneto dell’anno scorso, e i Despite Exile, keepers del pleahcore e pronti a farvi venire male al collo con il potere dei loro breakdown. Una serata esagerata che si chiude in modo ancora più crispy con la creme dei migliori dj trash del triveneto (e non), ovvero Dj Sica, Dj Marchese, Dj Mike e Dj Bengala, per farvi muovere il culo all night long.
Il secondo release party invece avverrà la settimana successiva al Drunk In Public di Trodica di Morrovalle (MC), nelle Marche, in compagnia degli hardcorers Walk Into The Storm,anche loro alle prese con il loro release party e dei The Words I Never Said, che purtroppo suoneranno il loro ultimo concerto. Un po’ triste, ma il modo migliore per dargli un saluto coi controcazzi.

SLANDER – THE RUSH

01. SLNDR
02. Scars And Ashes
03. Empty Pod
04. Steep Slop
05. The Rush

RELEASE 04 OTTOBRE: https://www.facebook.com/events/701481439922459/?fref=ts

1618343_677921438963912_7024824763542377946_o10402448_683592231730166_5903027041420390278_n

 

Advertisements

SEPTEMBER TO DISMEMBER VOL.8

L’autunno è iniziato con qualche mese d’anticipo ormai, ma si sa che settembre è un mese che attizza non poco i palati fini dei gourmet della musica estrema, pronti a consumare quelle tre parole come fossero un mantra: September To Dismember. Stiamo parlando di uno dei festival diy più longevi sul territorio nazionale, infatti quest’anno verranno spente otto candeline.
La novità fondamentale di quest’anno sta tutta nella location, che dopo anni di permanenza a Bologna (correggetemi se sbaglio) si sposta in quel di Padova, o meglio in provincia, a Vigoderzere. A molti non suonerà nuovo questo nome, perchè ci sono stati spesso concerti al 7 Note, ribatezzato Bloom dalla nuova gestione, e pronto a ospitare questa due giorni di male estremo.
Venerdì 19, la giornata si apre con gli Extreme Vandamme Terror, gruppo grind/powerviolence nostrano che meriterebbe un epic win solo per il nome, pronti a presentare il loro primo demo autoprodotto. Seguono i Buiten Gebruik, gruppo hardcore olandese che strizza l’occhio agli anni 80, in particolare quelli inglesi di Discharge e Chaos UK. E’ poi il momento di uno dei nomi nuovi più chiacchierati dell’underground estremo degli ultimi tempi, ovvero i The Afternoon Gentlemen, quintetto inglese di grind al fulmicotone, pronti a farvi sanguinare le orecchie. Neanche il tempo di riprendersi dall’impatto che ci si ritrova di fronte ai Fleas And Lice, storico gruppo crust olandese attivo da oltre 20 anni: doppia voce e velocità da aratro elaborato col nos. La spirale di malessere continua con i gore grinders Jig-Ai, direttamente dalla Repubblica Ceca e con un album fresco di stampa. Sempre dalla Repubblica Ceca i seguenti Destructive Explosion Of Anal Garland, con un nome da galera e un sound all’insegna del grind più becero, roba per palati fini insomma. A chiudere la il massacro della prima giornata i romani Necro Blaster, di cui presto riusciremo a sentire qualcosa registrato in studio, per ora tocca gustarseli solo live.
Sabato 20, invece, la giornata si apre prima e questo significa più gruppi da vedere. E non possiamo che sorridere per il gruppo che aprirà le danze, ovvero i Corporation Of Consumption del nostro amico Matte, grindcore da Treviso e dintorni, che presto faranno uscire il loro nuovo 7″. Vedete di esserci già da subito perchè meritano veramente. Seguono i romani Guineapig, che si definiscono slow-motion bulldozer gore, anche loro con un album in uscita a breve. Sarà poi il turno dei Prisoner 639 dal Belgio, con un sound a cavallo tra hardcore e powerviolence, con venature grind, tanto per non farsi mancare niente. Di seguito i canadesi Archagathus, che sembrano essere i paladini del grind/mince core, e a noi non resta che delizarci con le loro scariche ultraviolence. Dopo di loro gli americani Countdown To Armageddon, trio in bilico tra crust e post punk, che potrebbe rivelarsi una delle sorprese del festival. Si torna poi subito al grind più puro con gli ungheresi Jack, attivi da quasi 20 anni e visti recentemente dalle nostre parti un paio di anni fa. A seguire una doppietta storica del hardcore nostrano: i Chain Reaction, gruppo di punta del hardcore pugliese negli anni 80 con il loro 7″ “Gabbie” e gli Indigesti, che non dobbiamo neanche stare a spiegarvi chi sono, nella speranza che il nuovo cantante non faccia rimpiangere il dimissionario Rudy Medea.  Arriva poi il momento dei brutal death grinders tedeschi Blood, attivi da oltre 30 anni e uno dei gruppi punta della scena estrema europea. Si rimane in terriori estremi coi canadesi Six Brew Bantha, grindcore dritto per dritto senza troppi fronzoli. A chiudere la due giorni di kermesse saranno i nostrani Haemophagus, death metallers direttamente da Palermo, pronti a chiudere degnamente il festival senza fare prigionieri.
Quindi riepilogando:

VENERDI 19:
20:00 – EXTREME VANDAMME TERROR
20:35 – BUITEN GERBUIK
21:20 – THE AFTERNOON GENTLEMEN
22:05 – FLEAS & LICE
23:00 – JIG-AI
00:15 – DESTRUCTIVE EXPLOSION OF ANAL GARLAND
01:00 – NECRO BLASTER

SABATO 20:
16:00 – CORPORATION OF CONSUMPTION
16:45 – GUINEAPIG
17:30 – PRISONER 639
18:15 – ARCHAGATHUS
19:00 – COUNTDOWN TO ARMAGEDDON
19:45 – JACK
20:30 – CHAN REACTION
21:15 – NUCLEAR FROST
22:00 – INDIGESTI
23:15 – BLOOD
00:30 – SIX BREW BANTHA
01:15 – HAEMOPHAGUS

DOVE:

BLOOM – Via Terraglione 84, Vigodarzere (PD), Italy
Postal code: 35010

NON AMMESSI / NOT ALLOWED:

– Armi, vetro, nazi, omofobi, rompicoglioni.

ENTRATA / ENTRANCE:

– 1 DAY: 10€ + TESSERA ARCI (5€)
– 2 DAYS: 15€ + TESSERA ARCI (5€)

CAMPEGGIO / CAMPING:
– Il campeggio è libero e gratuito, portate la vostra tenda e piazzatela nel luogo indicatovi.

NAVETTA / SHUTTLE:

VENERDI 19: 16 / 17 / 18 / 19 / 20 / 21
SABATO 20: 14 / 15 / 16 / 17 / 18 / 19 / 20
DOMENICA 21: 16 / 17 / 18

CIBO E ALCOLICI / ALCOHOL & FOOD:

– Ci sarà alcool e cibo economico, la cucina verrà affidata ad un collettivo vegetariano e/o vegan.

BENEFIT:

– Il ricavato verrà interamente devoluto al progetto sociale in Costarica “La Soluciòn: Amor Y Arte” , per fornire ai bambini di una scuola elementare, tutti i materiali primari per apprendere le materie artistiche, che per questioni economico/sociali, mancano totalmente.