Mini Ramp Skate Contest al Venezia Hardcore Fest 2016

1936683_1061366173906602_8454773824376968693_n.jpg

Più passano i giorni e più cresce l’attesa per l’edizione annuale del Venezia Hardcore Fest. In attesa di confermare gli ultimi gruppi, abbiamo consolidato la collaborazione dei ragazzi di Green Records dopo il successo della mini ramp nella passata edizione. Ma useremo le parole di Cristiano per spiegare meglio la cosa:

“Visto il grande successo della passata edizione, GREEN RECORDS assieme ai ragazzi di TRIVEL COLLETTIVE e al RIVOLTA di Marghera, ha deciso di mettere nuovamente a disposizione una Mini Ramp (che proprio mini non è, alta 2 metri, larga 6) per in VENEZIA HARDCORE 2016. La rampa sarà skateabile per tutto il giorno fino a tarda notte e nelle prime ore del pomeriggio ci sarà la possibilità per i più piccoli e per chi si vuole avvicinare a questo mondo, di provare la struttura seguito da skaters più esperti che potranno dargli qualche consiglio.
La giornata di free skateboarding si concluderà con un contest categoria unica che vedrà alternarsi molti tra i più bravi skaters italiani.
Verrà inoltre allestita una piccola area street all’esterno per dar spazio un po a tutti.
Ovviamente da non dimenticare che l’evento ospiterà 28 band punk/hardcore italiane e internazionali che si alterneranno su due palchi, esposizioni artistiche DIY, banchetti merch, area dischi, bar e vegan food.
Resta solo da segnarvi la data: SABATO 14 MAGGIO 2016
L’evento è in continua evoluzione, quindi vi consigliamo di rimanere aggiornati osservando i nostri canali social.”

VENEZIA HARDCORE 2016
RIVOLTA – Via Fratelli Bandiera 45 – Marghera VENEZIA

Per info:
cristiano@greenrecords.net
giulio@greenrecords.net
trivelparty@gmail.com

 

1558425_1373322479360121_5307105421585689243_n

12662520_1346145595411143_1467872020091237310_n.png

 

Intervista con i No Turning Back

428764_10150561605516946_203874483_n

In attesa delle tre date che segneranno il loro ritorno sul territorio italico, abbiamo pensato di fare qualche domanda a Martjin, cantante degli olandesi No Turning Back.

01 Ciao ragazzi, come va? Siete gasati per tornare in Italia dopo la vostra ultima apparizione al Venezia Hardcore Fest? Che ricordi avete di quel giorno?

Tutto bene! Non vediamo l’ora di venire in Italia per 3 date. Il Venezia Hardcore Fest è stata una delle migliori date che abbiamo fatto nel 2015. Una reazione incredibile, non ce l’aspettavamo. Non vediamo l’ora di ripeterla.

02 Il vostro nuovo lavoro “Never Give Up” è ancora fresco d’uscita. Qual è stata la reazione nei confronti dell’album?

Grandiosa! Il disco è stato accolto bene. Quando suoniamo i pezzi dal vivo la reazione del pubblico è sempre fantastica.

03 Il vostro primo album è uscito 16 anni fa, quindi siete in giro da parecchio tempo. Quali sono le differenze tra quando avete iniziato ed il livello che avete raggiunto?

Quando abbiamo iniziato nel 1997 erano i tempi prima di internet e delle mode. Era diverso, ma per molte cose non tanto diverso da come è oggi. Il modo in cui la gente “sente” la musica è lo stesso. Come band ci siamo evoluti da piccola band di paese ad un gruppo conosciuto dalla gente e riconosciuto in tutto il mondo. Abbiamo lavorato duramente, non abbiamo avuto niente in regalo e non abbiamo mai mollato.

04 Siete in giro da così tanto che siete passati attraverso tutte le fasi del punk hardcore dell’ultima decade. Quali sono i vostri pensieri riguardo lo stato attuale della musica/comunità hardcore odierna?

La scena di cui facciamo parte è fantastica. Tanti gruppi grandiosi in tutto il mondo. L’Europa ha un forte numero di gruppi nuovi. Ragazzi che iniziano a pubblicare fanzines, fondano etichette, organizzano concerti. Hardcore è ancora vivo! Le mode vanno e vengono, ma lo zoccolo duro rimane.

05 Come sta andando il vostro tour attuale? Qual è il miglior paese in cui avete suonato fino ad ora?

Questo tour in Spagna è fantastico. Ci sono sempre bei concerti e ci divertiamo un sacco qui. Tanto amore per i NTB dal 2002 qua. Il miglior paese in cui abbiamo suonato, quello deve essere la Germania. C’è molta gente presa bene dalla musica pesante. Metal, punk, hardcore…li piace tutto.

06 Quali sono i piani per il futuro? Possiamo aspettarci un nuovo album presto?

Il prossimo anno celebreremo i 20 anni come band. Quindi faremo un paio di tour e stiamo anche lavorando su un nuovo album che uscirà da qualche parte nel 2017. Fino a quel momento continueremo a fare quello che amiamo di più, ovvero suonare concerti in tutto il mondo. Partendo con l’Asia dopo il nostro viaggio italiano.

07 Quali sono le tue band preferite al momento? Ne hai qualcuna da suggerire ai nostri lettori?

I miei gruppi preferiti al momento sono Bishop Green, Risk It, World Eater, Lions Law, Turnstile, Blind Justice, Blistered, Mizery, Mad At The World, Demonwomb…ce ne sono troppe da nominare. Andate ad ascoltarvi questo nuovo gruppo da Belgio/Olanda chiamato Absolve e questo gruppo straight edge dalla Germania chiamato Belief.

08. Grazie per il tuo tempo! Qualcos altro che vuoi aggiungere?

Grazie. Non vediamo l’ora di suonare a questi concerti italiani, mangiare del buon cibo e passare del bel tempo con voi.

12573703_993444034068820_5449639910139439395_n

12507605_1136199523058962_3326220943462385687_n

Noi ci vediamo tutti il 19 febbraio al Novak Club di Scorzè con:

No Turning Back
Oltrezona
Ragecage
Misery For A Living
Mos
Respect For Zero
Crotes

Novak Club, via Castellana 59/D, Scorzè (VE)
Apertura porte ore 20.00, ingresso 5 euro

No Turning Back @ Venezia Hardcore 2015

12508857_987667947979762_3634983804409615458_n.jpgFinalmente, dopo la festa che avevano portato lo scorso maggio al Venezia Hardcore Fest, torneranno nella nostra penisola gli olandesi No Turning Back per tre concertini che sicuramente non saranno da dimenticare:

Venerdì 19/02 @ Novak Club, Venezia
Sabato 20/02 @ 360 Gradi, Roma
Domenica 21/02 @ Milano

Per rinfrescarci un po’ la memoria, ecco il video del loro set al Venezia Hardcore Fest:

Intervista con Zeit e copertina del nuovo album

12060030_10156009559865858_516078610_o

Qui sopra potete ammirare la copertina di “The World Is Nothing”, il debutto degli Zeit che uscirà il 7 novembre. Qui sotto invece potete leggervi l’intervista fatta dal nostro Riccardo Volpe. Enjoy!

Finalmente gli Zeit sanno per uscire con un nuovo lavoro, quando uscirà di preciso? Sarà una release indipendente o siete stati appoggiati da qualche label?

Il disco uscirà il 2 Novembre e si, riusciremo a buttarlo fuori grazie ad una coproduzione con un bel pò di etichette italiane ed estere. Il cd uscirà per Trivel Records, il vinile invece vedrà coinvolte un bel pò di realtà che si stanno dando da fare molto bene in questo periodo [Assurd Records, Dischi Bervisti, 5feetUnder, Martire, Icore Produzioni, Dingleberry Records, Indelirium Record,Cave Canem Diy, Drugusingpeople records]. Le tapes ci saranno grazie al nostro amico Mike e alla sua nuova I Want To Believe Tapes. Indelirium records invece si occuperà della distribuzione digitale. Un bel pò di collaborazioni insomma, tutte con persone giuste e che ci stanno dando un bell’aiuto.

Cosa ci puoi dire di questo nuovo disco? La demo uscita l anno scorso era di sole due canzoni, credi ci sia stato un cambiamento nel vostro sound?

Sicuramente un cambiamento in parte c’è stato anche se diciamo che molto è rimasto sparato, storto e violento. Abbiamo però cercato di estremizzare qualcosa di quel che avevamo già detto con “Zoe-Bios”, aggiungendo molti passaggi che, ovviamente, in sole due tracce non avremmo potuto mettere. Posso dire che in un anno abbiamo cercato di dare il massimo nella composizione dei pezzi, cercando di non accontentarci della prima soluzione che ci veniva in mente ma provando comunque a non perdere in immediatezza. Un mare di bestemmie insomma.

Leo ha annunciato che sta lavorando al vostro nuovo video, puoi anticiparci qualcosa sul singolo che darà voce all’album?

Intanto Leo questa sera viene a dormire a casa tua eh (https:// www.youtube.com/watch?v=vCl3p-VuvtM). Il singolo è tra le canzoni del disco che preferisco per struttura, per testo e perché dal vivo mi diverte a manetta. E’ ovviamente sparato al punto giusto ma lascia spazio pure a qualcosa di lento, chiaramente lento per quel che si può intendere all’interno del nostro mood.

Avete già delle date in programma per la promozione del cd?

O yes, stiamo organizzando un tour in cui partiremo assieme agli amici e compagni di merende The Mild con cui ce la giocheremo a bibita e bestemmie. Certamente però a Street Fighter saremo i favoriti. Poi diverse date nei prossimi mesi. A breve potrete trovare tutto nella nostra pagina facebook (www.facebook.com/Zeithc)

Una cosa che mi sono sempre chiesto, perchè “Zeit”? Il significato sta nella parola tedesca?

Proprio come dici tu. Oltre che perché, almeno per me, suona dannatamente bene. Il fatto poi che in tedesco non abbia un’accezione precisa apre ad un orizzonte interpretativo abbastanza ampio da lasciare libero il vaneggio. Comunque, quasi sicuramente, un tedesco lo troverebbe un nome banale.

Con chi vi piacerebbe collaborare tra le varie bands di vexhc? E tra le band internazionali?

Una collaborazione all’interno del disco già c’è ed è in uno dei pezzi più sparati e stronzi dell’Lp. E’ un amico di ormai vecchissima data, qualcuno con cui io ed Ale abbiamo condiviso il palco la prima volta almeno dieci anni fa credo. Non dirò chi è ma sicuramente uno UAU farà capire di chi sto parlando a chi bazzica Venezia. E non mi sto riferendo a Rinaldo. Altre collaborazioni ci piacerebbe farne e credo le faremo, di band bomba da noi ce ne sono veramente tante.

Avete gusti musicali al di fuori dell’hardcore? Se sì quanto influenzano la vostra musica?

Decisamente si, il metal non si dimentica mai. Scuola svedese a manetta, At The Gates su tutti. I soliti classici Slayer, Testament, Death: Gene Hoglan continua a comandare. Le pedalate degli Helloween almeno una volta l’anno vado a ripescarmele. Ma anche stoner, elettronica, funk, alternative in senso ampio, colonne sonore. In realtà mi rendo conto che allargandomi così tanto la risposta rischi di diventare vaga, è che sto cercando di evitare una lista esagerata. Oggi mi sono sparato “Ritual music for the true clochard” degli Urfaust e adesso, mentre ti sto rispondendo, a gasare c’è la playlist di David Bowie. Sicuramente siamo molto influenzati da quel che sta fuori dall’hc ma anche dal metal stesso da cui comunque arriviamo.

La scena più stupida che hai mai visto da quando suoni con gli Zeit?

Beh, senza dubbio quando Gabri si è rotto la testa. Anche se a dire il vero nessuno di noi ha visto la scena. Eravamo andati a suonare un weekend in giro con gli Slander ed una sera ad un fest nelle Marche, proprio mentre stavano suonando loro, un ragazzo dell’organizzazione mi si avvicina e per dirmi che il nostro bassista si era aperto la testa. Nottata in pronto soccorso per Gab e Seba con referto che recita qualcosa come “Trauma cranico, alitosi alcolica” e qualcos’altro che non ricordo. Sicuramente divertente oltre che memorabile.

Quanto bella è Marghera da 1 a 10?

Lo stai chiedendo ad un margherotto. Sicuramente 10 + mi no go paura de ndar in gaera cit.

Saluta i fioi!

Ara i fioi ciao fioi. Per chi volesse ci si vede il 7 Novembre al Rivolta (Marghera, VE) per il release party del disco e grazie per l’intervista.